Il Fiordo di Crapolla

 

Un Passato Ricco di Storia

Fiordo di Crapolla

Come Raggiungere

Gallery

Fiordo di pescatori particolarmente conosciuti per la pesca con le nasse, intrecciate a mano esclusivamente in giunco e mirto, utili a catturare i prelibati parapandali, meglio noti come “gamberetti di Crapolla”. La spiaggetta del fiordo si raggiunge via terra percorrendo uno splendido sentiero immerso nella rigogliosa macchia mediterranea. Poco prima di giungere in spiaggia, lì dove un tempo sorgeva un’imponente abbazia benedettina, si può ammirare la cappella di San Pietro, meta annuale di una sentita festa popolare.

La leggenda vuole che l’abbazia fosse stata edificata sui resti di un tempio pagano dedicato ad Apollo, da cui deriverebbe il toponimo Crapolla. Sempre secondo la leggenda, San Pietro sbarcò a Crapolla nel suo viaggio verso Roma per cristianizzare la Penisola Sorrentina.

Il Parapandalo di nassa Presidio Slow Food

Il famoso gamberetto rosa (Plesionika narval) può essere annoverato tra i prodotti ittici tipici dell’Area Marina di Punta Campanella, poiché la particolare morfologia dei fondali, ricalca fedelmente l’habitat ideale di questo crostaceo. Gli anfratti e le grotte della costa, attrattiva per folti gruppi di gamberetti, rendono questa zona uno dei più ricchi centri di aggregazione di questo delizioso crostaceo rosa. Divenuto presidio Slow Food attualmente è una nota specialità culinaria richiesta dal turista informato che sa di poter gustare qui come in poche altre parti d’Italia questa regale prelibatezza.

Come Raggiungere 

In Auto

Raggiungere Torca in auto, da Massa Centro prendendo la rotabile Massa Turro e procedere fino a Sant’Agata sui Due Golfi, all’incrocio prendere la seconda a destra e proseguire fino alla fine della strada.

In Autobus

Raggiungono Torca solo alcuni degli autobus SITA diretti a Sant’Agata sui Due Golfi, con partenza da Sorrento (via Massa o via Nastro Verde). Orari consultabili alla pagina Come Muoversi