Lo Scoglio del Vervece

 

Un Vero Santuario Marino

La Storia

Gallery

Dalla superficie al fondo il Vervece racchiude tutto il fascino dell’immersione nel Mediterraneo. Appena sotto il pelo dell’acqua, le pareti sembrano giardini fioriti ricoperti da Parazoanthus con i polpi aperti in corrente pronti a catturare particelle planctoniche. Rosse Stelle marine si adagiano sulle gialle colonie mentre centinaia di pesciolini dalle livree multicolori volteggiano intorno ai sub.

Nelle acque circostanti quest’isolotto il 28 settembre 1974, Enzo Maiorca stabilì il suo ultimo record di apnea a 87m, così da ribattezzarsi da apneista Enzo Vervece Maiorca.

Attualmente zona A (riserva integrale) dell’Area Marina Protetta è il simbolo indiscusso della ricchezza di queste acque: cernie, dentici, aragoste, orate, gamberetti, saraghi, murene e piccole ed innumerevoli specie dai variegati colori sono visibili sin dai primi metri di profondità. Su un fondale di 12 metri domina  la statua in bronzo di una Madonnina, protettrice dei subacquei, celebrata con una S. Messa sullo scoglio ogni anno la prima domenica di settembre.

Lo scoglio del Vervece è situato a circa mille metri dal porticciolo di Marina della Lobra (Massa Lubrense).